Coccole 2017 – Il viaggio

E’ arrivato anche quest’anno il momento della fine del viaggio di Coccole, sono a Bangkok sotto il diluvio a ricordarmi di tutte le facce che ho visto, coccolato e accarezzato nelle ultime quattro settimane.

Partito il 24 Dicembre per Bangkok, dopo avere ritirato le medicine, sono andato per Vietnam per incontrare la mia adorata amica monaca Minh. E’ la terza volta che visito il suo monastero e i bambini ormai sono diventati 52. Nel giorno del mio arrivo e’ entrato a far parte della sua “famiglia allargata” un bambino appena nato, lasciato fuori dalla pagoda di notte.

Verrà adottato anche lui  e si chiamerà Minh come tutti gli altri…

Che bello vedere i bambini crescere bene grazie solo all’amore di Minh , bisognerebbe farla Santa subito….

Un ragazzino di 8 anni mi abbracciato e mi ha fatto vedere una macchinetta che gli ho regalato 2 anni fa… (Minh mi fa detto che non lascia mai la macchinetta nemmeno di notte).

Fare shopping con Minh e’ una faccenda molto divertente. Dopo ogni acquisto anche  di un solo dollaro mi guarda intimorita  e mi chiede: ho speso troppo ? Ho esagerato? Non sa che anche quest’anno siete stati super generosi!

Abbiamo preso materassi nuovi, culle per i neonati, attrezzi per la cucina, uno scaldabagno gigante, guardaroba interi per tutti i piccoli, bici, un mare di giocattoli e scorte industriali di riso e tè.

Ovviamente mi ha fatto i suoi biscotti – la ricetta che vi ho messo nella confezione del té – certo fatti da lei in questo posto magico hanno un altro sapore. Sapore di casa.

Al momento della partenza era ormai chiaro che è solo questione di tempo finché ci rivedremo di nuovo!

Mi sono diretto poi verso Sud ad un altro monastero dove vivono 21 bambini tra 1 e 15 anni tutti abbandonati perché sono non vedenti (sono “inutili” per le famiglie povere ).

La prima cosa che ti accorgi entrando in casa e’ la miseria che regna. Impressionante e triste. La cosa bella era guardarli mentre ascoltavano la musica da una radio, erano ipnotizzati .

Quando ne ho preso alcuni in braccio continuavano ad accarezzarmi la barbara  e i peli (non hanno capito se fossi un uomo o una scimmia). Tenerissimi…

Per prima cosa, una bella imbiancata e una bella pulita alla casa, poi mobili nuovi, cucina, stuoie, vestiti, un impianto di musica bello potente con tanto di dischi nuovi e piccoli strumenti musicali. Alcuni soffrivano di un’infiammazione brutta agli occhi, così ho deciso di portarli a Ho Chi Minh per una visita in ospedale. Con una cura di un mese dovrebbe passare. Quando eravamo in città siamo entrati in un negozio che vende strumenti musicali , ascoltando i suoni si sono divertiti un sacco  e non potevo non comprare  due organi con un sacco di  effetti speciali. Gli piacevano così tanto ed io sono qua per questo no?

Con tanti abbracci e palpatine ai miei peli sono partito, lasciandoli molto più felici spero.

Quindi in Cambogia, vicino al confine con il Vietnam, in piena campagna vicino al Mekong in un monastero isolato dove accolgono i bambini “buttati” (nel vero senso della parola) dai camion dei bracconieri del sesso perché non servono più. Sono malati, feriti o semplicemente non più vergini. Stiamo parlando di bambini di solo 3-9 anni cazzo!!!!

I monaci li raccolgono dalla strada e cercano di dargli il più possibile. Erano seduti per terra, 38 bambini, con lo sguardo perso nel nulla, impauriti e in silenzio (quel silenzio lo conosco ormai e continua a farmi del male sempre), con segni di bruciature di sigarette e altri segni di violenza , ma Dio santo come si fa???? Sono solo bambini !!

La prima cosa che ho fatto e’ stata portarli tutti a fare una visita medica in ospedale. Non e’ stata un’impresa facile ma ce l’abbiamo fatta.  Tre di loro dovevano rimanere per almeno tre giorni così gli altri sono tornati al monastero e io ed un altro monaco siamo rimasti con loro in ospedale. Dopo tre giorni,  prima di rientrare con i bambini al monastero e già che eravamo in città, ho cominciato fare acquisti .

Non lo so cosa mi ha preso, forse mi sentivo in colpa per quello che avevano subito o ero solo  alla ricerca disperata di un cenno di un sorriso, così , ho comprato qualsiasi cosa che i piccoli guardavano, tanto che ho dovuto prendere  altri due taxi per trasportare tutto.

Tornando al monastero ho comprato altre cose per la vita quotidiana  come i letti, i vestiti, gli attrezzi per la cucina, i contenitori d’acqua, uno scalda-acqua, i sanitari nuovi, giocattoli in quantità industriale, tablet, computer, un mini biliardo, biciclette e tante altre cose che non ricordo più.

Alla fine sono stato da loro quasi una settimana e non mi sono sentito meno in colpa per quello che gli hanno fatto ne’ ho visto un cenno di un sorriso.

Spero però che un giorno, vedendo che non ho chiesto nulla in cambio per tutte le cose che gli ho regalato capiranno  che non tutti gli uomini bianchi sono uguali.

Questa è quello che sento e spero.

L’ultimo posto che dovevo visitare aspetterà l’anno prossimo, non me la sento più di affrontare un altro posto così. Sono arrivato al limite quest’anno.

Ora riposo a Bangkok sotto la pioggia .

Vi abbraccio tutti e grazie per tutto.

NirIMG_2447 IMG_2449 IMG_2448 IMG_2181

 

Coccole 2017 – Il viaggioultima modifica: 2017-01-18T17:42:12+01:00da coccoledinir
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento